“Noi come Greta” Saranno le ragazze e i ragazzi a salvare il pianeta. E Italia Nostra Alessandria si impegna profondamente

Egr. Signore e Signori, care amiche e amici,

il Consiglio Direttivo di Italia Nostra di Alessandria, dopo un’attenta analisi della situazione del Pianeta ed in considerazione dei valori di tutela ambientale che da sempre la caratterizzano, ha deciso di sostenere la richiesta di assegnazione del Premio Nobel per la Pace a Greta Thunberg, una delle voci più forti della lotta al cambiamento climatico, nonchè anima promotrice di una protesta che sta coinvolgendo un’intera generazione, Mondiale.

Ad Alessandria anche il 24 maggio, “Friday for future”, i giovani si sono mobilitati in sostegno dell’ambiente, seguendo l’esempio svedese, scandendo lo slogan: ”il cambiamento sta arrivando: siamo noi”. Rispetto al 15 marzo, giorno del primo sciopero globale, sono più consapevoli ed hanno richieste precise anche per chi governa la città.

Italia Nostra sostiene l’iniziativa delle giovani e dei nostri alessandrini per sensibilizzare la cittadinanza ad una maggiore consapevolezza rispetto ai problemi del Pianeta, partendo dalla nostra città ed in particolare richiedendo: una raccolta differenziata efficace, piste ciclabili, una viabilità sostenibile ed una ampia zona a traffico limitato.

Fonte: La Stampa 25 Maggio 2019

Dona il tuo 5×1000 a Italia Nostra

Donare il 5×1000 a ITALIA NOSTRA è semplice, gratuito e molto utile!

Nella dichiarazione dei redditi c’è un’apposita sezione per il 5xmille, cerca lo spazio dedicato al sostegno al volontariato e lì metti la tua firma e indica il codice fiscale di Italia Nostra 80078410588 

Adozione area verde Arco Monumentale piazza Matteotti

La sezione Italia Nostra di Alessandria ha “adottato” la piccola area verde sita alla base dell’Arco Monumentale ubicato in piazza Matteotti – via Dante. Nella giornata di sabato 1 dicembre, ha iniziato il lavoro di pulizia della stessa sotto l’attenta supervisione del prof. Corrado Sacco (agronomo).

Con l’attività dei nostri volontari e l’appoggio dei commercianti della zona, si intende apportare un significativo miglioramento estetico alla stessa, portando avanti gli interventi di manutenzione ed inserendo essenze pregiate e qualificanti per una area posta all’ingresso principale della città. La cura dello spazio verde citato, si collega ad un’azione di salvaguardia e valorizzazione dell’Arco Monumentale che, nel 250esimo anniversario dall’inaugurazione, comprenderà anche una raccolta fondi per il restauro dello stesso, iniziativa promossa nell’ambito delle nostre attività di tutela dei Beni artistici, architettonici e paesaggistici della città.

In accordo con l’Amministrazione Comunale, riteniamo che donare per il recupero e la salvaguardia di un’opera d’arte del proprio patrimonio civico, sia sinonimo di grande sensibilità e attenzione, non solo per il nostro passato, ma, soprattutto per il nostro futuro.

Molte danze stimate…

La Danza tra Lombardia e Sicilia 

L’opera di Livio Lupi da Caravaggio – Palermo 1600-1607

Ricostruzione storica di danze tratte da un testo di Livio Lupi coreografo originario di Caravaggio (BG) ed attivo a Palermo e Racalmuto (AG) tra il XVI ed il XVII secolo e di autori suoi contemporanei.

A cura di Lucio Paolo Testi
Tortona (AL) – Museo Diocesano
domenica 8 luglio 2018 – ore 18,00
ingresso libero

Apertura Museo ore 16,00 – visita guidata ore 17,00

Info: Museo Diocesano Tortona, Via seminario 7 Tortona (AL) tel.0131816609 – 01311922731
beniculturali@diocesitortona.it

“Quel che è pronto a tornare” mostra di Enrico Tealdi

Cassine (AL), 4 maggio 2018

Alle ore 17:30 presso la Chiesa di San Francesco verrà inaugurata la mostra dell’artista Enrico Tealdi dal titolo “Quel che è pronto a tornare”. Trattasi di un’installazione capace di dar voce alla legalità. La Chiesa duecentesca di Cassine (AL) ha una storia segnata da ritrovamenti. L’ultimo riguarda la pala seicentesca “Natività di San Giovanni Battista”, attribuita al pittore milanese Giuseppe Leva, che era stata rubata in chiesa con altre sette tele nella notte tra il 4 e il 5 agosto del 1997. Grazie al ritrovamento da parte dei carabinieri del Nucleo di Venezia del Comando per la Tutela del Patrimonio Culturale, è tornata nel 2016 nella sua sede, la Cappella di San Giovanni, nel frattempo restaurata. Mancano però all’appello le altre pale trafugate, la cui mancanza, che genera spazi vuoti, connota la chiesa. “Un vento, impastato di caldo e di nostalgia, sembra aver prima rubato e sospinto, fin nell’interno della chiesa, 5 ombrelloni, che rotolano come fiori abbandonati dolcemente. L’installazione si presenta con un impatto poetico e onirico. Fiori, soffioni, qualcosa di lontano torna a solleticare qualcosa, a suggerire con delicatezza un pensiero”. Queste le parole dell’artista Enrico Tealdi al quale Comitato Matrice, Italia Nostra Sezione di Alessandria e il Comune di Cassine, hanno commissionato, grazie al sostegno della Regione Piemonte, un intervento artistico che è pretesto per una riflessione sul tema della tutela. La mostra, che sarà visitabile dal 4 al 18 maggio 2018, si inserisce nella cornice più ampia della seconda edizione di “La Valle Bormida si espone”, la serie di iniziative espositive sul territorio valbormidese, promossa e coordinata dal Comitato Matrice.
In occasione dell’inaugurazione della mostra, la mattina del 4 maggio alle ore 10:00, la Chiesa di San Francesco
ospiterà il Segretario Generale del Comitato Matrice Otto Bugnano e la Presidente di Italia Nostra sezione di
Alessandria Francesca Petralia insieme al Capitano Ferdinando Angeletti, Comandante della Compagnia Carabinieri
di Acqui Terme (AL) e al Luogotenente Roberto Benedetti del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di
Torino i quali, con Patrizia Di Mambro, Coordinatrice Nazionale di Italia Nostra del Settore Educazione e Formazione, incontreranno gli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado del territorio intervenendo sul tema Comportamenti illegali: la risposta della cultura.
L’incontro con gli studenti è focalizzato sui temi principali dell’educazione al rispetto della legalità e della tutela dei
beni del patrimonio culturale, che non sono noti al grande pubblico in tutte le loro sfaccettature, in particolare ai giovani. In particolare la professoressa Patrizia Di Mambro Coordinatrice del Settore Educazione e Formazione, attraverso il suo intervento dal titolo “Il Progetto Educativo di Italia Nostra Le Pietre e i Cittadini. Conoscere per riconoscersi”, si farà portavoce di uno dei principi fondanti di Italia Nostra, l’educazione al patrimonio culturale.
D’altronde l’Associazione considera strategica l’educazione e la formazione di giovani e adulti sui temi del paesaggio,
dell’ambiente e dei beni culturali, nella convinzione che solo la conoscenza incentiva la tutela e la valorizzazione.
La giornata del 4 maggio a Cassine sarà dunque ricca di spunti di riflessione.

Mostra di Dürer e visita al villaggio di Crespi d’Adda

MILANO SABATO 17 MARZO 2018

La mostra di Dürer al Palazzo Reale di Milano è la prima, importantissima mostra che la città dedica al celeberrimo artista tedesco, che seppe coniugare la grazia artistica rinascimentale con le moderne ricerche scientifiche e matematiche. Considerato il massimo esponente del Rinascimento tedesco, Dürer fu un artista dal talento precocissimo, il quale, coniugato con una continua curiosità, lo portò a compiere parecchi viaggi in Europa, arricchendo esponenzialmente il suo bagaglio visivo. In particolare un viaggio in Italia lo avvicinò al Rinascimento, alla scoperta dell’arte classica, all’abilità prospettica e alla precisione della rappresentazione anatomica, portando Dürer a spaziare nei più diversi generi della pittura e della grafica. Incisore e trattatista, illustratore e scienziato, pittore e matematico, Dürer è senz’altro uno degli artisti più poliedrici e curiosi del rinascimento europeo.

Il Villaggio Crespi d’Adda, villaggio operaio di fine ‘800, città ideale del lavoro, patrimonio UNESCO. Questo villaggio infatti è il perfetto modello di un complesso architettonico che illustra un periodo significativo della storia, quello della nascita dell’industria moderna in Italia. Il sito si è conservato perfettamente integro, mantenendo pressoché intatto il suo aspetto urbanistico e architettonico. Crespi è il nome della famiglia di industriali cotonieri che decisero di dar vita a questa moderna “città ideale del lavoro”, all’interno della quale c’era anche il loro magnifico castello. Nel villaggio risiedevano solo coloro che lavoravano nell’opificio, e la vita dell’intera comunità ruotava attorno alla fabbrica, ai suoi ritmi e alle sue esigenze. In questa visione di società era il padrone che provvedeva a tutti i bisogni dei dipendenti e delle loro famiglie cui venivano messi a disposizione l’abitazione e tutti i servizi necessari alla vita della comunità: chiesa, scuola, ospedale, dopolavoro, teatro, bagni pubblici, spacci alimentari e di vestiario. Le abitazioni degli operai sono di ispirazione inglese: si tratta di circa cinquanta casette ben allineate a est dell’opificio lungo strade parallele, con decorazioni sempre in cotto, finiture in ferro battuto, mattoni a vista. Ogni edificio è circondato da orti e giardini.

Programma:

ritrovo partecipanti: ad Alessandria (piazza Garibaldi – Intesa San Paolo) alle ore 7,00;

a Novi Ligure (piazza Isola – Bar Lasagna) alle ore 07,30;

trasferimento a Crespi d’Adda, soste lungo il percorso visita guidata;

trasferimento a Milano, pranzo libero e visita guidata alla mostra ;

rientro in serata

Quota di partecipazione: € 55,00 

La quota di partecipazione comprende : Pullman  GT a/r; visita guidata al Villaggio di Crespi d’Adda e alla Mostra; biglietto d’ingresso e auricolari obbligatori in mostra; accompagnatore dell’agenzia

La quota di partecipazione non comprende : tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”

organizzazione tecnica ALTURIST Alessandria

info: e-mail alessandria@italianostra.org, tel.0131 030195

8° Corso Arte e Architettura

ALLA SCOPERTA DELL’ALESSANDRINO

UN INCROCIO DI CULTURE

Il corso andrà a scandagliare i diversi influssi culturali regionali (in particolare, piemontesi/sabaudi, lombardi, liguri) che hanno determinato e tuttora determinano la formazione del patrimonio culturale dei territori della provincia di Alessandria, facendo della provincia stessa, da questo punto di vista, un luogo di scambio, incontri e contaminazioni particolarmente ricco e affascinante.

Il Corso aperto all’intera cittadinanza, si svolge tra il 9 novembre 2015 e il 19 aprile 2016  con due appuntamenti settimanali di un’ ora e mezza ciascuno (martedì e giovedì dalle ore 17.30 alle ore 19.00)

***

CARATTERISTICHE E SCOPI DEL CORSO

Il Corso nasce dalle esperienze pregresse della sezione e, in particolare, del suo staff culturale, le cui attività si sono sempre più identificate in un lavoro di sensibilizzazione al patrimonio storico, artistico e architettonico locale.

Questo lavoro si è concretizzato nell’organizzazione di corsi caratterizzati da un sempre crescente successo di partecipanti e di gradimento, dovuto anche ai preziosi suggerimenti dei partecipanti stessi, ed ha avuto come oggetto i valori artistici, storici e culturali del  territorio alessandrino. Finalità dei corsi resta, infatti, di edizione in edizione, quella di favorire, attraverso una divulgazione piacevole, l’affezione degli  alessandrini per un patrimonio troppo spesso sconosciuto e altrettanto ingiustamente trascurato, nella convinzione che la conoscenza del patrimonio e l’affezione che ne può derivare costituiscano la condizione essenziale per una tutela e una valorizzazione efficaci.

IDEAZIONE E COORDINAMENTO

Francesca Petralia

7° Corso Arte e Architettura

ALLA SCOPERTA DELL’ALESSANDRINO

INTORNO AL NOVECENTO

Ha preso il via martedì 11 novembre 2014 con la prolusione inaugurale dello storico locale Roberto Livraghi e alla presenza del Presidente Onorario Enzio Notti, la settima edizione del Corso d’Arte della sezione di Alessandria. Il corso – di carattere divulgativo e coordinato dalla Presidente di sezione Francesca Petralia – ha per questa edizione il titolo “ALLA SCOPERTA DELL’ALESSANDRINO. INTORNO AL NOVECENTO” e si articola in 47 appuntamenti – 41 lezioni indoor e 6 lezioni sul campo in forma di visite guidate – coinvolgendo 47 esperti a vario titolo in qualità di docenti. Due le lezioni settimanali, in giorni feriali e orario pre-serale.

Il corso aperto all’intera cittadinanza – si incentra su argomenti di storia e storia dell’arte del territorio alessandrino nel Novecento, con incursioni nell’Ottocento e argomenti di tutela del territorio e dei beni culturali. Non mancano inoltre interventi concernenti la cinematografia, la fotografia, la letteratura e la psicologia. Tutte le lezioni sono tenute dai più riconosciuti esperti dei vari argomenti trattati che, a titolo puramente gratuito e volontario, offrono la loro competenza per la buona riuscita dell’iniziativa.

Il corso, in particolare, intende approfondire vari aspetti e personaggi – anche poco o per nulla noti oppure dimenticati – della storia e della storia culturale del territorio alessandrino, nella consapevolezza che la conoscenza diffusa, trasmessa da esperti competenti e appassionati, costituisca la base per una tutela e valorizzazione efficaci.

Tra i docenti, il corso si onorerà di ospitare anche il Presidente Nazionale Avv. Marco Parini, che martedì 17 febbraio p.v. terrà un intervento sulle tematiche della tutela.

L’obesità

Quarta conferenza sull’educazione alimentare

Italia Nostra sezione di Alessandria, in collaborazione con l’ASL di Alessandria, organizza un ciclo di conferenze per sensibilizzare i cittadini sull’importanza di una corretta ed equilibrata alimentazione al fine di prevenire le malattie e migliorare la qualità della vita.

Acqua, longevità e salute

Terza conferenza sull’educazione alimentare

Italia Nostra sezione di Alessandria, in collaborazione con l’ASL di Alessandria, organizza un ciclo di conferenze per sensibilizzare i cittadini sull’importanza di una corretta ed equilibrata alimentazione al fine di prevenire le malattie e migliorare la qualità della vita.